Paolo Parente

Mosca bianca

Gen
06

Non avermene,
se sono costretto a tesserti
sulle inquiete zampine
catene che non spezzerai.

E le ali che volevi
battessero ancora
cieli a riparo
dalla cattiva stagione,
scuotono la ragnatela
e il mio rimorso.

È quasi inverno
mosca bianca,
quasi il punto che,
vada come vada,
morirai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *